Emergenza Covid-19: Facebook a supporto delle PMI

Nonostante gli aiuti governativi, se adeguati o meno non sta a noi discuterne ora, la pandemia da Coronavirus ha sferrato duri colpi a molteplici comparti produttivi, primo tra tutti quello della ristorazione fortemente aggredito dalla crisi.

Sostenere piccoli imprenditori come i ristoratori è importante non solo per mantenere  in vita un intero settore, ma anche per il bene dell’intero Paese basato com’è, ancora oggi, su turismo e vendita al dettaglio.

Anche per questo motivo Facebook Inc. ha lanciato negli scorsi giorni delle novità utili a sostenere digitalmente le piccole imprese italiane, mettendo a disposizione strumenti che consentano loro di restare in contatto con i propri clienti.

Ma chi interesseranno queste iniziative? In cosa consistono? Scopriamolo nel dettaglio.

 

RISTORATORI

Facebook  consente agli imprenditori della ristorazione, tramite le storie di Instagram, di inserire un nuovo pulsante per dare la possibilità agli utenti di prenotare pietanze direttamente dal social network.  Il  ristorante può creare nel suo profilo una storia che ritrae un piatto e così l’utente, cliccando sul pulsante ‘Ordina Cibo’, può acquistare la pietanza e farsela recapitare tramite Deliveroo e UberEats.

Nulla di nuovo all’apparenza, la delivery food esiste già da tempo, ma non va trascurata la vetrina che i social offrono a queste attività e la comodità per i clienti che, con un semplice clic, possono esaudire i propri capricci.

 

IMPRESE LOCALI

Le piccole e medie imprese, aderendo all’iniziativa, possono promuovere buoni regalo e gift card. Attraverso la funzione “supporta le imprese locali” è quindi possibile acquistare buoni regalo convertibili in merce al momento dell’apertura fisica del negozio.

Su Facebook, inoltre, i post delle aziende locali sono raggruppati da qualche giorno in un unico spazio dedicato interamente alle loro attività. Da un messaggio in cima al proprio newsfeed le persone sono indirizzate alla raccolta di post delle aziende  e hanno la possibilità di iscriversi alle pagine o ai gruppi e ricevere notifiche settimanali. Ma non finisce qui, il tutto viene visualizzato anche nell’hub dedicata agli aggiornamenti sull’emergenza Covid-19.

 

A supporto delle piccole imprese locali, come già avvenuto con gli Stickers “io resto a casa”, tutte le storie Instagram che riportano il nuovo sticker “Compro a Km 0” vengono raggruppate in una storia condivisa permettendo così alle persone di vedere quali aziende stanno a cuore agli utenti.

Su Facebook, invece, con lo stesso obiettivo può essere utilizzato l’hashtag #CompraKm0.

Le piccole e medie imprese hanno inoltre la possibilità di attivare un fundraising per raccogliere fondi su Facebook (ma la funzione è condivisibile anche su Instagram) per chiedere supporto ai propri clienti più fedeli in questo periodo di crisi generalizzata.

 

Valide iniziative, quindi, a sostegno del sistema Paese pensate in un momento in cui, complici il lockdown e  le serrande abbassate dei negozi, abbiamo compreso come non mai l’importanza dell’acquisto tramite i canali online e della comunicazione tramite web e social.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su